Caravan Laverda “Serie Blu”

Studio Nizzoli Sistemi - (G. Mario Oliveri, Giusi
Giuliani, Roberto Ingegnere, Enrico Picciani) Milano 1972/74

La "filosofia" progettuale scaturì dall'osservazione dell'allora esistente,
l'abitabilità era subordinata all'estetica della carrozzeria, il disegno "a uovo"
determinava notevoli
inconvenienti fra cui la riduzione dello spazio vivibile all'interno, la difficile
amalgama degli accessori fondamentali come la veranda o l'antiporto invernale,
il costo eccessivo delle superfici curve.
La nostra soluzione, non più tondeggiante ma a spigoli vivi, consentiva un più
razionale sfruttamento dello spazio, una ottima integrazione degli accessori e
costi di produzione più
contenuti. L'ingombro su strada era un volume contenuto, con una ricezione più
ampia di quanto sembrava a prima vista in quanto disponeva di un ribaltabile
con una "capote" di cotone impermeabilizzato, che creava in coda una veranda
di quattro metri quadrati in più, ottenuto con l'apertura della perete di fondo che
diventava pavimento e che veniva automaticamente coperto da un tetto a
soffietto; un ambiente dove la luce filtrava morbida, dove lo stesso spazio
organizzato sfericamente, dava una sensazione di maggior respiro.
Ai lati due finestre rettangolari manovrabili con i vetri azzurrati in perspex.
Frontalmente una grande finestra "panciuta" studiata senza spigoli, in funzione
aerodinamica e per avere una visuale ampia del paesaggio.
All'interno, per aumentare la capacità degli armadi senza aumentare le misure
della caravan, erano stati adottati contenitori supplementari in tessuto,
spostabili su rotaie, in modo da poterli stipare nei punti più comodi.
E infine il colore, invece del bianco, si era scelto un azzurro che contribuiva a
"mimetizzare" la caravan in qualsiasi ambiente.

Con la stessa filosofia, subito dopo, abbiamo progettato un autocaravan su
autotelaio Alfa Romeo, anche questa molto interessante, per l'enorme
superficie vetrata anteriore, a disposizione dei passeggeri anche in fase di viaggio.

Il programma successivo prevedeva la progettazione di Case Mobili
“Serie Blu” da utilizzare anche in caso di calamità naturali
ma purtroppo, l’Azienda costruttrice cessò l’attività.

*

*

Caravan "serie Blu" 1974

Autocaravan A 410 1975/76

*